Intelligenza Artificiale tra miti e realtà: storie di successo dall’Italia e dagli Stati Uniti al Festival della Cultura Americana

Il Festival della Cultura Americana, organizzato dal Centro Studi Americani, ha ospitato un panel intitolato “Intelligenza Artificiale tra miti e realtà: storie di successo dall’Italia e dagli Stati Uniti”, organizzato e animato da APCO Worldwide.

La tavola rotonda, moderata da Paolo Compostella, Presidente Europa di APCO Worldwide, ha visto la partecipazione di diversi esperti del settore, tra cui Alessandro Musumeci, Capo della segreteria tecnica del Sottosegretario di Stato con delega all’innovazione tecnologica, Maria Cristina Moroni, Government Relations Senior Advisor presso Dell Technologies, Claudia Pollio, Head of Public Affairs and Institutional Relations presso TeamSystem, Floriana Chiarello, Head of ICT Demand Management presso Aeroporti di Roma, e Andrea Tuninetti, Counsel presso Clifford Chance. Durante il panel, sono state raccontate esperienze positive di adozione e utilizzo dell’Intelligenza Artificiale in diversi settori.

L’Intelligenza Artificiale è oggi una componente fondamentale nelle decisioni tecnologiche di imprese e governi, influenzando la vita quotidiana di ogni individuo. Secondo le proiezioni economiche di Bank of America, entro il 2030 l’IA potrebbe contribuire fino a 15,7 trilioni di dollari all’economia globale, con gli Stati Uniti a dominare il mercato.

Anche in Italia, il mercato dell’IA è in crescita, raggiungendo i 500 milioni di euro e registrando un aumento del 32% in un solo anno. L’Italia è stata anche la prima nazione a introdurre una regolamentazione sull’IA generativa. Alessandro Musumeci ha sottolineato l’importanza di affrontare le sfide legate all’IA e ha evidenziato il ruolo fondamentale che avrà AGID come Segreteria Tecnica a supporto del Comitato di esperti nazionali sull’IA.

Andrea Tuninetti ha discusso della sfida di regolare l’IA, sottolineando che i legislatori dovranno individuare un quadro giuridico che affronti i rischi legati all’IA e favorisca il suo sviluppo a vantaggio della collettività.

Claudia Pollio ha parlato del supporto che l’IA può offrire alle PMI e della trasformazione digitale come una rivoluzione tecnologica che può migliorare la competitività e la resilienza delle imprese italiane.

Floriana Chiarello ha evidenziato l’importanza dell’equilibrio tra l’input umano e la tecnologia avanzata nel processo decisionale e ha sottolineato l’impegno di Aeroporti di Roma nel colmare il divario digitale e affrontare sfide come l’etica, la sicurezza informatica e la privacy.

Maria Cristina Moroni ha sottolineato come l’IA possa essere un fattore abilitante per le aziende, purché sia condivisibile, sicura e sostenibile. Dell Technologies supporta le aziende e la Pubblica Amministrazione nel cogliere le opportunità offerte dalla trasformazione digitale e dall’IA, promuovendo un utilizzo responsabile ed etico basato su valori come sicurezza, sostenibilità e condivisione.

Nel finale del panel, Paolo Compostella ha presentato Margy, un’intelligenza adattiva sviluppata dall’AI Comms Lab di APCO Worldwide. Margy è in grado di fornire dati utili per advisory e consulenza strategica, automatizzare la generazione di contenuti, ottimizzare l’efficienza e gestire la reputazione online dei clienti.

Questo panel ha offerto l’opportunità di analizzare e discutere le sfide e le opportunità dell’Intelligenza Artificiale, ascoltando esperienze di successo e approfondendo i principali trend nel settore.

Fonte: La rivoluzione digitale dell’intelligenza artificiale, Data Manager Online.